I CFD sono strumenti complessi che comportano un rischio di perdita elevato dovuto alla leva. 74-89% dei trader al dettaglio incorrono in perdite quando fanno trading. Vi preghiamo di verificare le vostre conoscenze in merito al funzionamento dei CFD e la vostra disponibilità ad utilizzare i CFD dato l’elevato rischio di perdita.

Trading sul mercato Forex

Il mercato Forex (Foreign Exchange o FX) è il più grande e avanzato del mondo. Su di esso girano miliardi di euro in valute su base giornaliera.

I vantaggi del trading sul Forex

  • Trading 24 ore al giorno, 5 giorni alla settimana
  • Grandi profitti potenziali con un investimento limitato grazie all'effetto leva
  • Guadagnare speculando su aumenti e discese di prezzo
  • Possibilità di scegliere il proprio stop-loss e il rischio che ci si vuole assumere
  • Non si perde mai più del deposito sul proprio conto (per broker europei come Plus500 e Fortrade)
  • Nessuna commissione: il broker guadagna dallo spred fra il bid e l’ask

Forex ed effetto leva

Sul mercato Forex è possibile fare speculazione con una grande quantità di denaro senza investire personalmente l'intero importo necessario per controllare quel sottostante. Ad esempio, con un investimento di 333 Euro è possibile aprire una posizione di 10.000 Euro o più e beneficiare comunque dei cambiamenti legati appunto alla taglia di questa posizione maggiore. Una leggera differenza nel prezzo della valuta può rapidamente generare un grande profitto. Questo elemento alimenta aspettative molto elevate nel trader il quale percepisce in modo più sfumato il rischio lasciandosi andare a comportamenti spesso poco saggi dal punto di vista del money management.

Il vostro investimento di 333 Euro è il margine. Il margine, moltiplicato per la leva, vi da la possibile esposizione totale ad una valuta. Con un margine di 333 Euro e una leva di 30 ci si può assumere una posizione di 10.000 Euro.

Il margine diminuisce quando la posizione si gira contro di voi. Con un piccolo margine, è meglio effettuare ordini di piccole quantità, come 5.000 o 10.000 Euro. I CFD sono pericolosi solo se usati in modo incauto ed i margin call sempre in agguato sono il giusto campanello di allarme capace di provocare bruschi risvegli sui conti dei trader irresponsabili.

Se la vostra posizione è redditizia, ovviamente riceverete il vostro profitto per intero. Per esempio: se si dispone di un margine di 333 Euro e ci si assume una posizione long di 10.000 Euro. Il prezzo sale dello 0,5%: si realizza un profitto di 50 Euro.

Pip di valore

La coppia EUR / USD è quotata a 4 cifre dopo la virgola. Queste cifre sono chiamate pips.

Il pip rappresenta la più classica unità di misura con cui si esprimono i prezzi dei rapporti valutari del mondo forex. Pip sta per Price Interest Point e rappresenta il minimo movimento che un rapporto di cambio può subire, al rialzo o al ribasso. Solitamente il pip è posizionato nell’ultima cifra decimale dopo la virgola, quindi la quarta cifra (0,0001). Questa regola trova però un’eccezione in alcuni rapporti di cambio che hanno ad oggetto per esempio il Jpy. In questo caso il pip è rappresentato dalla seconda cifra decimale (0,01) dopo la virgola.

Il valore di un pip varia a seconda dell’ammontare di trading scelto. Per un importo di 10.000 Euro, ogni pip vale 1 dollaro. Per calcolarlo, si moltiplica il valore dell’ammontare del trade con il tasso di cambio e poi si calcola quanto potrebbe valere l’aumento di 1 pip.

Per esempio:
10.000 Euro x 1.4005 (ask) = 14.005 dollari
10.000 Euro x 1.4006 (ask) = 14.006 dollari
Valore di 1 pip = 1 dollaro.

Lo stesso esempio possiamo farlo con EurJpy, ma come detto sopra cambia la struttura dei decimali. Per un importo di 10.000 Euro, ogni pip vale 100 Yen. Come nell’esempio riportato sopra si moltiplica il valore dell’ammontare del trade con il tasso di cambio calcolando il valore di una variazione di 1 pip.

Per esempio:
10.000 Euro x 140.05 (ask) = 1.400.500 Jpy
10.000 Euro x 140.06 (ask) = 1.400.600 Jpy.

Molto importante nella gestione del trade diventa l’utilizzo di un calcolatore di pip. Il valore di un pip non è costante, ma è variabile in base alla taglia dell’operazione posta in essere e alla leva scelta. Conoscere sempre l’impatto che ogni variazione di pip può avere sul nostro conto profitti e perdite è importante anche per evitare di subire continue margin call solamente perché non abbiamo fatto bene i conti nel posizionare gli stop loss.

Esempio pratico: EUR / USD

Se si ritiene che l’Euro sia destinato ad aumentare e che, di conseguenza, il tasso di cambio salirà, si preme il pulsante “buy”. Per agire sull’aumento di questo rapporto di cambio è necessario acquistare Euro.

Premete il pulsante “Acquista” e scegliete di fare trading con 10.000 euro. Per farlo, è necessario un margine di 333.33 Euro. Inoltre, impostate subito uno stop loss: se l'euro scende sotto a 1.15112 vi assumete la perdita e andate avanti.

eurodollar

Aprire un conto

Confrontate le piattaforme CFD e provate le demo gratuite o aprite subito un conto. Con un conto è possibile anche fare trading sui CFD con le materie prime (petrolio, oro, argento, platino, ecc...) e sul mercato Forex (valute). Con la demo gratuita si può fare pratica con un capitale fittizio in modo da imparare come operare con i CFD e prendere confidenza con la piattaforma dell’offerente.

Confronta i broker